Percolati

Che cos’è il percolato?

Il termine percolato, nell’ambito delle scienze ambientali, definisce un liquido che trae prevalentemente origine dall’infiltrazione di acqua nella massa dei rifiuti o dalla decomposizione degli stessi. In misura minore è anche prodotto dalla progressiva compattazione dei rifiuti.

Il percolato prodotto dalle discariche controllate di rifiuti solidi urbani (R.S.U.) è un refluo con un tenore più o meno elevato di inquinanti organici e inorganici, derivanti dai processi biologici e fisico-chimici all’interno delle discariche.

Il percolato prodotto è un refluo con un carico inquinante elevato difficile da trattare, caratterizzato da alti tenori di ammoniaca, COD, metalli pesanti e salinità (cloruri e solfati).

Il trattamento del percolato da discarica è necessario perché è ritenuto potenzialmente pericoloso per l’ambiente. Va smaltito seguendo determinati procedimenti chimico-fisici per renderlo innocuo alle persone e all’ecosistema.

Per legge, il percolato deve essere captato ed opportunamente trattato nel sito stesso della discarica o trasportato in impianti ad hoc debitamente autorizzati allo smaltimento di rifiuti liquidi.

Esistono due diversi modi di trattare il percolato:

Trattamento biologico (biologico, biologico combinato, biologico aerobico, biologico anaerobico)

Il trattamento biologico è un processo a basso costo in cui la sostanza organica è convertita ad anidride carbonica, acqua e biomassa. In generale, se le sostanze inquinanti possono essere trattate con processi biologici, è sconsigliato l’uso di processo chimico-fisici, più costosi. In alcuni casi però è difficile il raggiungimento degli standard di legge solo tramite trattamento biologico e si deve prevedere un processo integrato.

Trattamento chimico-fisico (flocculazione, adsorbimento, ossidazione chimica, ossidazione ad umido, osmosi inversa, evaporazione e stripping)

I trattamenti chimico-fisici agiscono principalmente nella separazione e concentrazione degli inquinanti. Il concentrato deve poi essere ulteriormente trattato (incenerito, depositato in discarica o altro trattamento).

Come smaltire il percolato? 

In generale non esiste un unico trattamento efficace da solo nel raggiungere gli obiettivi di scarico.

Nel progetto di un impianto di trattamento del percolato si devono tenere in considerazione, oltre che le caratteristiche del percolato da trattare, anche dei seguenti aspetti:

Concentrazioni limite da rispettare;

Limitata generazione di residui;

Basso l’utilizzo di agenti chimici in fase di trattamento;

Bassa richiesta di risorse ed energia;

Basso impatto ambientale;

Funzionamento semplice, affidabile, efficiente ed economico;

Soluzione

Com’è stato chiarito prima, il modo in cui si crea il percolato presenta diversi fattori variabili, quindi, anche la valutazione delle sue caratteristiche deve essere molto accurata.

Le soluzioni di suo trattamento devono essere studiate ad hoc per ogni impianto e trovando soluzioni ottimali.

Biowaste ha avuto diverse esperienze nell’affiancamento e sviluppo delle soluzioni di trattamento del percolato. Una tra le più recenti è l’impianto di GEA srl gestito da Gruppo Greenthesis a S. Urbano in provincia di Padova. Si tratta di un impianto evaporatore di percolato di discarica con pretrattamento su osmosi, con una capacità di trattamento di 72 ton/ giorno.

Vuoi saperne di più? Lasciaci un tuo contatto così da poterti fornire tutta l'assistenza possibile!
error: Content is protected !!
This site is registered on wpml.org as a development site.